Crea sito

                                                                                                                                                                                       Home

Benvenuto nel mondo di PRINCE

Storia

Discografia

Fimografia

Prince in Italia

Concerti visti da me

In mio possesso
Strumenti Prince

Link consigliati

                


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

     Storia

Prince, nome d'arte di Prince Rogers Nelson (Minneapolis, 7 giugno 1958-Chanhassen 21 Aprile 2016), è stato un cantautore, chitarrista, attore, regista e produttore discografico statunitense, molto popolare soprattutto negli anni ottanta e novanta.

Musicista poliedrico, tra i suoi lavori si sentono espliciti riferimenti agli Earth, Wind & Fire a George Clinton a Stevie Wonder, in seguito a James Brown, Jimi Hendrix ai Beatles e Frank Zappa. La sua musica coinvolge diversi stili come funk, rock classico e pop, ma spesso si è confrontato anche con il rap e il rock sinfonico, producendo un crossover musicale molto apprezzato da fans e critici. Difficilmente un suo lavoro contiene un solo stile musicale, e questo gli permette di evitare il rischio di cadere nella ripetitività.

Per tutti gli anni ottanta Prince preferì giocare con i giornalisti, inventando una serie di storie sulla sua infanzia ed adolescenza oppure mentendo sulla sua data di nascita. Per lungo tempo ha dichiarato di avere origini italiane, storia che non è mai stata esplicitamente confermata.

Ernesto Assante così lo descrive su La Repubblica il 30 marzo 1985:

« Prince è personaggio assai curioso, molto lontano dalla figura "angelica" ed ambigua di Michael Jackson, decisamente più legato a sentimenti terreni, infinitamente più provocante sul piano sessuale, forse persino più astuto su quello commerciale del suo rivale più diretto. Soprattutto, ed è questo forse il grande merito di un album come Purple Rain ed il motivo principale dell' enorme successo del disco, Prince produce, canta, scrive e suona una musica che pur restando profondamente legata alla tradizione nera ha fatto propri elementi del rock, del funk, del pop, in una miscela urbana, elettrica, nervosa e che, sottilmente, ribadisce constantemente la sua natura nera. Dal vivo poi, Prince assomiglia più a James Brown che non agli artisti neri della black music contemporanea, il suo show è fatto di carne e sudore, è fatto soprattutto di sesso. Sesso che compare senza mascheramenti nelle canzoni, nei gesti, nell' immagine stessa di Prince. "Il sesso è qualcosa che tutti possono capire, è senza limiti" ha detto "ed il messaggio è un messaggio universale, di pace, di unione, di comprensione. È una celebrazione all' amore, e l' amore è divino". Personaggio curioso, che non concede mai interviste e si rifiuta costantemente di farsi fotografare; "principe" di una corte che lo adora e che deve a lui buona parte del successo: da Apollonia, a Morris Day e The Time, a Sheila E. "Non credo di essere un tipo particolarmente strano" sostiene invece Prince "ho delle cose che amo e vivo per quelle. Vivo per la musica innanzitutto". »

(Ernesto Assante)

L'inesauribile vena artistica del cantante di Minneapolis lo porta a produrre continuamente nuovi brani, ma anche ad essere tra i pionieri della vendita on-line su Internet: infatti alcuni suoi prodotti diventano acquistabili solo dal suo sito.

Nel 2004 la nota rivista americana Rolling Stone ha incluso Prince nella lista dei 100 artisti più importanti nella storia, classificandolo alla posizione #28.

Nell'album Purple rain Prince inserisce Darling Nikki che spinse Tipper Gore, moglie dell'ex vice-presidente statunitense Al Gore, a dar vita ad un comitato che chiedeva un maggiore controllo sui testi spinti dei musicisti americani (la P.M.R.C.). È proprio attraverso le attività di questo comitato che nacque il logo "Parental Advisory – Explicit Lyrics" ("Avviso per i genitori: contiene testi espliciti"), impresso sulle copertine di ogni album con contenuti ritenuti "delicati" per i minori. Nel tempo avere questo logo su una copertina è diventato molto di più, quasi un segno di riconoscimento e di distinzione, una sorta di attrattiva per il pubblico. Avrebbe dovuto creare un ghetto per le pubblicazioni musicali, invece ha avuto l’effetto opposto: le ha fatte diventare più appetibili.

Il 15 marzo 2004 Prince entra nella Rock and Roll Hall of Fame. Alicia Keys l'ha presentato così: «Ci sono molti re. Re Enrico VIII, Re Salomone, Re Tut, Re James, King Kong e i three kings. Ma c'è solo un 'Prince'.» E lui, ringraziando, ha detto: «Da giovane facevo di tutto per mantenere la mia libertà. Mi ero imbarcato in un viaggio molto più affascinante di ciò che potevo immaginarmi. Ma senza una guida spirituale, tale libertà può portare ad un declino spirituale. Un vero amico o un mentore non può essere il tuo stipendio.»E ancora «All'inizio della mia carriera la mia preoccupazione principale era la libertà, libertà di suonare tutti gli strumenti, libertà di dire ciò che volevo. La Warner, dopo un po' di discussione, mi diede questa libertà e io li ringrazio per questo.»

II l5 dicembre 2007 viene condannato in secondo grado da una sentenza della Corte d'Appello di Roma per plagio: la canzone The Most Beautiful Girl In The World, pubblicata nel 1993, anche se non risulta essere identica a Takin' Me To Paradise, scritta da Bruno Bergonzi e Michele Vicino e pubblicata nel 1983; la condanna in primo grado risaliva al 2003.

Torna


Concerti in Italia

 

 

07 Giugno 1987 – Milano / Palatrussardi
08 Giugno 1987 – Milano / Palatrussardi
09 Giugno 1987 – Milano / Palatrussardi
11 Giugno 1987 – Milano / Palatrussardi

15 Luglio 1988 – Milano / Palatrussardi 
16 Luglio 1988 – Milano / Palatrussardi 
17 Luglio 1988 – Milano / Palatrussardi 
19 Luglio 1988  – Milano / Palatrussardi
03 Settembre 1988 – Modena / Stadio Comunale Alberto Braglia 

17 Luglio 1990 – Roma / Stadio Flaminio 
18 Luglio 1990 – Cava dei Tirreni / Stadio Simonetta Lamberti 
20 Luglio 1990 – Torino / Stadio Comunale (annullato)
30 Luglio 1990 – Udine / Stadio Friuli (annullato)

31 Ottobre 2002 – Milano / Palatucker

29 Settembre 2006 – Milano / Versace Teatro Alcione

2 novembre 2010 - Roma, Palalottomatica

3 novembre 2010 - Milano / Mediolanumforum

15 Luglio 2011 - Perugia / Arena Santa Giuliana - Umbria Jazz festival

Torna

 

 

 

 


Discografia

Nato

07 Giugno 1958

Minneapolis

-Minnesota-

FOR YOU

1978

PRINCE 

1979

DIRTY MIND

1980

CONTROVERSY

1981

1999

1982

PURPLE RAIN

1984

AROUND THE WORLD IN A DAY 

1985

PARADE

1986

SIGN 'O' THE TIMES

Sign O' The Times

1987

 THE BLACK ALBUM

 Black Album

1987

LOVESEXY

Lovesexy

1988

BATMAN

Batman 

1989

GRAFFITI BRIDGE

Graffiti Bridge

1990

DIAMOND AND PEARLS

Diamonds And Pearls

1991

LOVE SYMBOL

Symbol

1992

THE HITS - THE B-SIDE

1993

COME

Come

1994

Exodus

1995

THE GOLD EXPERIENCE

The Gold Experience

1995

CHAOS AND DISORDER

Chaos And Disorder

 1996

EMANCIPATION

Emancipation

1996

NEW POWER SOUL

1998

CRYSTAL BALL          THE TRUTH

Crystal Ball                

1998

THE VAULT… Old Friends 4 Sale

1999

RAVE UN 2 THE JOY FANTASTIC

Rave

1999

THE RAINBOW CHILDREN 

 

2001

THE VERY BEST OF PRINCE

2001

ONE NIGHT ALONE

2002

XPECTATION

2003

N.E.W.S

2003

THE CHOCOLATE INVASION

2004

THE SLAUGHTER HOUSE

2004

MUSICOLOGY

2004

3121

2006

     PLANET EARTH

 2007

LOtUSFLOW3R           MPLSound

            

2009

20TEN

2010

PLECTRUN ELECTRUM

2014

ART OFFICIAL AGE

2014

HITnRUN phase one

2015

HITnRUN phase two

HitnRun Phase Two.jpg

2015

Morto 

21 Aprile 2016

Chanhassen

-Minnesota-

4EVER

2016

Torna


Fimografia

PURPLE RAIN

USA 1984 - Warner Bros

Scritto - Albert Magnoli e William Blinn / Regia - Albert Magnoli

Produttori - Robert Cavallo, Stephen Fargnoli, Joseph Ruffalo

Musica - Prince, Michel Colombier, John L. Nelson

Scenografia - Ward Preston, Anne D. McCulley

Interpreti e Personaggi / Prince - The Kid

Apollonia Kotero - Apollonia / Morris Day - Morris

Olga Karlatos - Mamma / Clarence Williams III - Papà (Francis)

 Jerome Benton - Jerome / Billy Sparks - Billy

Jill Jones - Jill / Dez Dickerson - Dez

Wendy Melvois - Wendy / Lisa Coleman - Lisa

The Revolution - Se stessi / The Times - Se stessi

Under the Cherry Moon

USA 1986 - Warner Bros

Scritto - Becky Johnston

Regia - Prince

Sceneggiatura - Becky Johnston 

Produttori - Robert Cavallo-Stephen Fargnoli-Joseph Ruffalo

Musica - Prince and the revolution

Attori - Jerome Benton, Kristin Scott Thomas, Prince, Steven Berkoff, Francesca Annis

Genere: Commedia   Durata: 100 minuti

Trama: In Francia con il suo spettacolo musicale, un affascinante artista americano alterna la sua tournée con continue avventure galanti, finche non trova la donna che gli fa perdere la testa.

Sign 'O' the Times

USA 1987

Regia - Prince

Attori

Prince , Sheila E , Sheena Easton , Dr Fink , Miko Weaver , Levi Seacer Jr , Cathy Glover , Wally Safford , Greg Brooks , Atlanta Bliss , Eric Leeds , Boni Boyer 

Genere: Musicale Durata: 85 minuti

Graffiti Bridge

USA 1990

Regia -  Prince

Attori

Jill Jones,  George Clinton,  Mavis Staples,  Prince,  Morris Day,  Ingrid Chavez,  Jerome Benton & The Time

Genere: Musicale   Durata: 92 minuti

Trama: Il cantante rock Prince costruisce la vicenda col pretesto di presentare una serie di numeri musicali.

Torna



31 OTTOBRE 2002 - MILANO - PALATUCKER 

 

Inizio : Ore 21,30

Un trio di fiati avanza sul palco, il be bop imperversa, eleganti musicisti in completo nero si muovono in una magica atmosfera carica di energia che preannuncia un grande spettacolo. Ma non siamo a New York in un jazz club degli anni ’40, siamo a Milano il 31 ottobre 2002 e Prince sta per salire sul palco davanti ad un pubblico che attendeva il suo ritorno da 12 anni.
Come è nella sua natura, Prince riesce a stupire un’altra volta, sempre diverso ma sempre se stesso. Niente più tacchi a spillo, niente più calze a rete, niente più balletti erotici e mosse provocanti, nemmeno più la sua ex corista nonché ex moglie Mayte. Prince sale sul palco in completo doppiopetto nero e camicia bianca, fazzoletto nel taschino, nessuna traccia dei suoi 44 anni: un funky gentleman di gran classe e con tanta voglia di divertirsi e di tornare alla grande.
Come il brano d’apertura, il concerto sarà impregnato fino alla fine di funky e jazz alla massima potenza, tratti dall’ultimo album "The Rainbow Children" e dilatati spesso in lunghe improvvisazioni, costellate da assoli di sax applauditi calorosamente dal pubblico. Del resto, non capita a tutti di avere davanti un mito vivente come Maceo Parker (ma il pubblico apprezza molto anche il secondo sax, affidato alla giunonica Candy Dulfer, con Prince in diversi album già dai tempi di "Batman").
I grandi successi non si fanno attendere, infatti il secondo brano è "Pop Life", perfetta per scaldare l’atmosfera e coniugare passato e presente di un artista proiettato nel futuro. A conferma di questo, una grande sorpresa: arriva Sheila E. alle percussioni, batterista storica di Prince per almeno 15 anni, che stasera rappresenta, insieme ad Eric Leeds ai fiati, l’anello di congiunzione tra i Revolution e i New Power Generation.
"My name is Prince! Ciao Milano, tonight I’ll be your dj!", saluta il pubblico da dietro il piano, prima di rendere per sempre memorabile la serata per quattro fans chiamati sul palco dalle prime file per accompagnarlo in un balletto durante la suite successiva. Durante tutta la serata Prince avrà un dialogo continuo con il pubblico: lo saluta, lo ringrazia, lo incita nei cori, lo fa cantare, e il pubblico ricambia calorosamente, dimostrando di non averlo affatto abbandonato nonostante la lunga assenza.
Come ai vecchi tempi Sheila torna alla batteria sostituendo John jr Blackwell per accompagnare Prince in uno dei momenti più emozionanti della serata: "Purple Rain", un inizio al piano, poi Prince imbraccia la chitarra viola a forma del famoso simbolo maschile/femminile unificato e il pubblico viene illuminato di porpora mentre canta il ritornello con tutto il cuore.
Una lunga suite jazzata sfocia in "Housequake", splendido funky di incredibile energia tratto da "Sign O’ The Times": peccato che non la esegua per intero, ma la temperatura continua a salire, il ritmo è travolgente, l’atmosfera può essere calmata solo con un’esecuzione al piano ("Strange Relationship").
Le sorprese non finiscono, anzi Prince regala un vero e proprio colpo di scena: la cover, energica e intensa alla sua maniera, di "Whole Lotta Love" dei Led Zeppelin, durante la quale le sue doti canore e chitarristiche confermano ancora una volta la loro potenza. Siamo nel momento clou del concerto, quello in cui il pubblico è più scatenato e Prince infila un vecchio grande successo dopo l’altro: seguono infatti "Sign O’ The Times", "Take Me With You", "Raspberry Beret", per le quali Prince modifica leggermente le versioni originali aggiungendo un pizzico di funk in più.
Torna il momento di sedersi al piano, in cui Prince esegue un breve medley di capolavori di dolcezza e intensità quali "Adore" e "Diamonds and Pearls". L’atmosfera si mantiene romantica e struggente con "The Beautiful Ones" seguita da "Nothing Compares 2 U" che il pubblico canta a gran voce. Ancora una manciata di canzoni e poi Prince saluterà il suo caloroso pubblico milanese, ma prima lo riscalderà con "The Ladder", lo divertirà con "Starfish and Coffee" e infine, lo emozionerà ancora una volta eseguendo al piano una delicatissima "Sometimes It Snows In April" mentre la neve cade nel buio dai maxischermi.

SCALETTA

Rainbow children
pop life
xenophobia*
the work Pt.1*
purple rain*
1+1+1=3/Housequake(long jam)/Rollercoaster*
strollin’
gotta brocken heart again
strange relationship*
pass the peas*
whole lotta love*
sign of the times*
take me with u*
raspberry beret*
everlasting now/jam*
encore:
adore
diamonds and pearls
beautiful ones
nothing compares
the ladder
sometimes it snows in April
days of wild*

*con Sheila E

MUSICISTI

Maceo Parker -Sax-

Candy Dulfer -Sax-

John jr Blackwell -Batteria-

Sheila E. -Percussioni-

Eric Leeds -Fiati-

 


3 NOVEMBRE 2010 - MILANO - MEDIOLANUMFORUM 

 

Inizio : Ore 21,00

8000 persone circa

I fan del folletto di Minneapolis, assente in Italia da otto anni, non sono rimasti delusi dalla scaletta di 26 brani del live Tenutosi al MediolanumForum di Assago (Milano), strapieno. Prince ha travolto di musica il palazzetto per oltre due ore e mezzo, concedendo quattro bis, di cui due a sorpresa proprio quando la gente stava lasciando il concerto, credendo fosse finito. Mantello viola, occhiali da sole, baffetto sottile, scarpe con tacco e auricolari per ascoltare il suono della band tempestato di diamanti, il cantante ha intrattenuto - a luci accese del MediolanumForum per facilitare il lavoro dei fotografi - con cinque brani per scaldare l'atmosfera: Stratus, Mountains (1986), Shake it down, Every day people e I wanna take you higher. Poi le luci si sono spente, mostrando un megaschermo ovale su cui sono state proiettate le immagini di ciò che accadeva sul palco con una regia di effetto. E lo show ha avuto inizio con una miscela di Let's go crazy (1984), Delirious (1982) e la ripresa di Let's go crazy. Via via gli altri brani in scaletta - che rispetto alla data romana è stata stravolta - ripescati perlopiù dal repertorio degli anni 80, riarrangiati sapientemente: 1999 (1982), Little red corvette e Controversy (1981).

E' stata la bravissima vocalist Shelby Johnson a sancire la prima pausa con l'intensa Angel, poi il ritorno sul palco di Prince che ha cambiato abito indossando una camicia trasparente di pizzo con gemelli vistosi e preziosi e foulard nero. E via ancora un'altra carrellata di brani: Nothing compares 2 U (1985) in duetto con Shelby Johnson - portata al successo da Sinead O Connor ma scritta proprio dal cantante -, proiettate sul mega schermo immagini tratte da sfilate con donne bellissime per Uptown (1980), Rapsberry Beret (1985), Cream (1991), Cool (1981), energia pura con Let's Work (1981), U got the look (1987) e la storica ed emozionante Purple rain (1984).

Ecco un altro dei brani che hanno contrassegnato la carriera di Prince Kiss totalmente stravolta negli arrangiamenti e resa molto più funky dell'originale. Ma dopo due ore e mezzo di concerto il cantante - di nuovo sul palco con nuovo cambio d'abito con giacca a collo alto glitterata -  ha iniziato ad avvisare un po' di stanchezza nella voce, cosi dopo aver fatto sfoggio del suo storico falsetto ha lasciato più spazio alle coriste. Dopo If I was ur girlfriend (1987), alcuni fan - scelti tra le prime file - sono saliti sul palco per ballare scatenati un mix di brani: The bird (1984), Jungle love (1984) e A love bizarre (1986).

Infine proprio quando si sono riaccese le luci del palazzetto e le persone stavano abbandonando il concerto, credendo fosse finito, ecco che il galvanizzato folletto di Minneapolis riappare sul palco per regalare Take me with U (1984) e Guitar (2007).

Prince in stato di grazia ha regalato un concerto a suo modo unico sia perché ha stravolto la scaletta, inserendo i suoi pezzi più ricchi di energia e ricollocabili alla sua produzione anni 80, sia perché ha dimostrato ancora una volta di essere un musicista attento regalando una nuova veste al suo repertorio talora in chiave funky altre volte rock. Insomma una serata di musica vera gustata anche da chi ha speso ben 110 euro per ascoltarlo per la prima volta o solo dopo otto anni. Il pubblico era abbastanza eterogeneo, sugli spalti anche intere famiglie con bambini, diversi ragazzi di tutte le età e chi, invece, è cresciuto a pane, musica e Prince. Questi ultimi erano letteralmente galvanizzati e addirittura qualcuno si è commosso sino alle lacrime

 

SCALETTA

Stratus [Billy Cobham]
Mountains
[Prince] /Shake Your Body (Down To The Ground) [Jacksons 5]
Everyday People
[Sly & The Family Stone]
I Want To Take You Higher
[Sly & The Family Stone]
 
Let’s Go Crazy
Delirious / Let’s Go Crazy (coda)
Controversy  incl Housequake

1999
Little Red Corvette

Angel [Sarah Mclachlan](cantata da Shelby J.)
Nothing Compares 2 U
(in duetto con Shelby J.)
Uptown
Raspberry Beret
Cream / For Love interpolation
Cool
Let’s Work
U Got The Look
Purple Rain
 
Kiss
If I Was Your Girlfriend
 
The Bird
[Time][scritta da Prince, J Johnson]
Jungle Love
[Time][scritta da Prince, J Johnson]
A Love Bizarre 
[Prince e Sheila E.]
 
Take Me With U
Guitar 

MUSICISTI

John Blackwell -Batteria-

Ida Nielsen -Basso-

Morris Hayes -Tastiere-

Renato Neto -Tastiere-

Cassandra O’Neal -Tastiere-

Shelby J. -Vocalist-

Elisa Deane Fiorillo -Vocalist-

Liv Warfield -Vocalist-

Torna


In mio possesso

Album Supporto

FOR YOU

MC

PRINCE 

MC

DIRTY MIND

MC

CONTROVERSY

MC

1999

MC

PURPLE RAIN

 MC

PURPLE RAIN - IL FILM DVD
AROUND THE WORLD IN A DAY MC
PARADE MC
UNDER THE CHERRY MOON - FILM DVD
SIGN 'O' THE TIMES MC
SIGN 'O' THE TIMES - FILM VIDEO CASSETTA *
PRINCE AND THE REVOLUTION LIVE 1987 VIDEO CASSETTA
 BLACK ALBUM CD

LOVESEXY

MC
LIVESEXY TOUR LIVE DORTMUND VIDEO CASSETTA *

BATMAN

MC

GRAFFITI BRIDGE

MC

GRAFFITI BRIDGE

VINILE

GRAFFITI BRIDGE - FILM

VIDEO CASSETTA *
DIAMOND AND PEARLS MC
LOVE SYMBOL MC

THE HITS

MC

THE B-SIDE MC *
AN AMERICAN IN PARIS CD
LIVE SEXY M.F. CD

COME

MC

EXODUS

MC

THE GOLD EXPERIENCE

MC

CHAOS AND DISORDER

MC
SCANDALOUS SEX SUITE CD

EMANCIPATION

CD

NEW POWER SOUL

CD
GREATEST ROMANCE EVER SOLD CD singolo

THE VAULT… Old Friends 4 Sale

CD

RAVE UN 2 THE JOY FANTASTIC

CD
RAVE UN2 THE YEAR 2000 DVD

THE RAINBOW CHILDREN

CD
THE VERY BEST OF PRINCE CD

XPECTATION

Solo download MP3
LIVE AT THE ALLADIN LAS VEGAS DVD

N.E.W.S

CD
MUSICOLOGY CD singolo
MUSICOLOGY  CD

3121

CD
PLANET EARTH CD

LOtUSFLOW3R

MPLSound

CD
20TEN CD
SOUND AND VISION CD+DVD
PLECTRUMELECTRUM CD
ART OFFICIAL AGE CD
HITnRUN Phase One CD
HITnRUN Phase Two CD
4EVER CD

Torna